Infezione da Helicobacter Pylori

Patologie gastriche

L’infezione da Helicobacter pylori (HP) è una delle più diffuse nel mondo, interessando circa la metà della popolazione mondiale.

L’Helicobacter pylori è un batterio gram-negativo capace di sopravvivere nell’ambiente acido dello stomaco e di penetrare nello strato di muco raggiungendo l’epitelio gastrico dove induce una risposta infiammatoria. L’HP può essere responsabile dell’insorgenza di gastrite, di ulcere gastriche o duodenali e può persino rappresentare un fattore di rischio per il tumore dello stomaco ed il linfoma MALT (tumore che coinvolge il tessuto linfoide associato alla mucosa).

L’infezione da HP è responsabile dell’80% delle ulcere gastriche e del 90% delle ulcere duodenali.

SINTOMI

L’infezione da HP può restare anche a lungo asintomatica oppure può presentare sintomi tipici della gastrite o dell’ulcera come ad esempio difficoltà di digestione (dispepsia), bruciore retrosternale o epigastrico (pirosi), eruttazioni, senso di ripienezza dopo i pasti, dolore epigastrico (epigastralgia) o sintomi meno specifici come inappetenza, dimagrimento ed astenia.

DIAGNOSI

La diagnosi dell’infezione di HP si avvale di numerose metodiche. Il test di prima scelta è rappresentato dall’Urea Breath Test (C-UBT) che è un esame non invasivo che consiste nell’assunzione per bocca di urea marcata che, in presenza del batterio HP, viene idrolizzata comportando un’aumentata produzione di anidride carbonica dosata mediante campioni di respiro ottenuti facendo respirare il paziente con una cannuccia in una provetta prima e dopo 30 minuti dalla somministrazione dell’urea marcata.

Altri test disponibili sono il test fecale che permette di evidenziare la presenza di componenti del batterio all’interno delle feci ed il dosaggio degli anticorpi specifici che il nostro organismo sviluppa quando entra in contatto con l’HP.

L’indagine diagnostica per eccellenza è rappresentata dalla gastroscopia che permette non solo di eseguire un prelievo della mucosa gastrica per determinare la presenza del batterio ma consente anche di valutare l’insorgenza delle complicanze associate all’infezione quali la gastrite, le ulcere o il cancro dello stomaco.

TERAPIA

Il trattamento dell’infezione è rappresentato dall’utilizzo di più antibiotici combinati a farmaci che inibiscono la produzione di acido e consentono così di eradicare il batterio.

Ultimi articoli

Sangue nelle feci: paure, diagnosi e soluzioni

Sangue nelle feci: paure, diagnosi e soluzioni

Cosa indica il sangue nelle feci? Il sangue nelle feci può essere macroscopico, ossia visibile ad occhio nudo oppure può essere microscopico quindi rilevabile solo mediante un apposito esame di laboratorio (ricerca di sangue occulto nelle feci). La presenza di sangue...

Mal di pancia: quando andare dal medico

Mal di pancia: quando andare dal medico

Cos’è il mal di pancia? Il mal di pancia è un sintomo molto comune e indica in modo generico un fastidio o dolore a livello dell’addome. Le cause del mal di pancia possono essere molteplici e possono riguardare l’apparato digerente o l’apparato genitourinario. Sebbene...