Tumori neuroendocrini

Patologie del pancreas

I tumori neuroendocrini del pancreas (NET), sono neoplasie rare che insorgono nei tessuti endocrini del pancreas. Hanno un’incidenza di ≤ 1 caso ogni 100.000 individui all’anno e rappresentano l’1-2% di tutti i tumori pancreatici.

Sebbene possano manifestarsi a qualsiasi età, si verificano più spesso nella quarta-sesta decade di vita.

 I tumori neuroendocrini del pancreas possono secernere ormoni peptidici, tra cui insulina, gastrina, glucagone e peptide intestinale vasoattivo, causando diverse sindromi cliniche. Possono altresì non secernere alcun ormone e rimanere asintomatici pernlungo tempo.

La misura dell’indice proliferativo (Ki-67 e indice mitotico) viene utilizzate per assegnare il grado istologico dei tumori neuroendocrini del pancreas. Possono essere genericamente suddivisi in G1, G2 e G3

I tumori di alto grado (G3; indice Ki-67> 20%) sono stati considerati equivalenti a carcinomi scarsamente differenziati e quindi molto aggressivi.

Tuttavia, è diventato evidente negli ultimi anni che non tutti i tumori G3 sono scarsamente differenziati e che alcuni tumori, in particolare quelli con un indice Ki-67 compreso tra il 20 e il 55%, hanno un’istologia relativamente ben differenziata ed una prognosi relativamente buona (rispetto ai carcinomi scarsamente differenziati)

I NET pancreatici funzionanti (secrezione ormonale) sono classificati in base all’ormone predominante che secernono e alla sindrome clinica che ne deriva. Quasi tutti i NET funzionanti sono ben differenziati.

Il  NET pancreatico che produce insulina viene chiamato insulinoma.

Il tumore produttore di gastrina è chiamato gastrinoma.

Altri NET pancreatici funzionanti che secernono glucagone (glucagonomi), somatostatina (somatostatinomi) o polipeptidi intestinali vasoattivi (VIPomi) sono piuttosto rari, con un’incidenza annuale stimata di circa 1 su 10milioni.

FATTORI DI RISCHIO

La maggior parte dei NET del pancreas sono sporadici e non si conoscono fattori di rischio certi, alcuni possono essere associati a endocrinopatie ereditarie, tra cui neoplasia endocrina multipla di tipo I (MEN1), sindrome di von Hippel-Lindau (VHL), neurofibromatosi di tipo I (NF1) e sclerosi tuberosa.

SINTOMI

TUMORI FUNZIONANTI

La presentazione clinica di specifici tumori funzionanti è in relazione al tipo di ormone prodotto.

Gli insulinomi si presentano tipicamente con ipoglicemia episodica, che può causare confusione, alterazioni della vista, comportamenti insoliti, palpitazioni, diaforesi e tremori. L’amnesia per l’ipoglicemia è comune.

Gastrinomi tipicamente presenti con ulcera peptica; anche la diarrea può essere una caratteristica importante

La sindrome clinica classicamente associata al glucagonoma comprende eritema migratorio necrolitico, cheilite, diabete mellito, anemia, perdita di peso, diarrea, trombosi venosa e sintomi neuropsichiatrici.

Le principali caratteristiche cliniche della sindrome del VIPoma sono diarrea acquosa, ipopotassiemia e ipocloridria.

 

TUMORI NON FUNZIONANTI

I tumori neuroendocrini non funzionanti non presentano clinicamente una sindrome ormonale rispetto alle loro controparte funzionali. Di conseguenza, spesso si presentano più tardi nel corso della malattia con sintomi di compressione locale o malattia metastatica.

I sintomi di presentazione più comuni di un NET pancreatico non funzionante sono dolore addominale (dal 35 al 78%), perdita di peso (dal 20 al 35%) e anoressia e nausea (45%). I segni meno frequenti includono ittero ostruttivo (dal 17 al 50 percento), emorragia intra-addominale (dal 4 al 20 percento) o una massa palpabile (dal 7 al 40 percento). I sintomi possono anche essere attribuibili alla malattia metastatica. Il fegato è l’organo più frequentemente colpito dalle metastasi dei tumori neuroendocrini del pancreas.

DIAGNOSI

La diagnosi di basa su esami clinici ed ematici seguiti da TAC, RM, PET ed Ecoendoscopia con biopsia.

L’ecoendoscopia in particolare (EUS) fornisce immagini ad alta risoluzione del pancreas e può rilevare lesioni da 2 a 3 mm di diametro. Studi di EUS per la rilevazione di NET pancreatici suggeriscono un’elevata sensibilità per la rilevazione del tumore.

Il  vantaggio dell’EUS è la possibilità di eseguire biopsia che può  fornire una diagnosi istologica non operatoria di NET pancreatica. L’EUS è limitata dalla necessità di un endoscopista altamente qualificato e dalla sua incapacità di visualizzare in modo coerente la coda pancreatica.

TERAPIA

Le terapie oggi disponibili sono molteplici:

  • la chirurgia, è la terapia di prima scelta nella maggior parte delle forme localizzate e in casi selezionati di tumori metastatici.
  • gli analoghi della somatostatina, ormoni sintetici che possono rallentare la crescita del tumore e controllare la sintomatologia nel caso dei tumori funzionanti.
  • la terapia radiorecettoriale, in cui si utilizza un farmaco analogo della somatostatina radiomarcato per via endovenosa che permette l’irradiazione selettiva delle cellule tumorali.
  • le terapie a target molecolare, farmaci a target molecolare che si somministrano per bocca e sfruttano la presenza di specifici bersagli.

In casi selezionati è possibile eseguire un trattamento endoscopico mini-invasivo. La procedura deve essere eseguita da un’operato esperto in ecoendoscopia che attraverso l’utilizzo di una sonda per radiofrequenza eseguirà ablazione termica della lesione determinandone la necrosi (morte cellulare).

Ultimi articoli

Sangue nelle feci: paure, diagnosi e soluzioni

Sangue nelle feci: paure, diagnosi e soluzioni

Cosa indica il sangue nelle feci? Il sangue nelle feci può essere macroscopico, ossia visibile ad occhio nudo oppure può essere microscopico quindi rilevabile solo mediante un apposito esame di laboratorio (ricerca di sangue occulto nelle feci). La presenza di sangue...

Mal di pancia: quando andare dal medico

Mal di pancia: quando andare dal medico

Cos’è il mal di pancia? Il mal di pancia è un sintomo molto comune e indica in modo generico un fastidio o dolore a livello dell’addome. Le cause del mal di pancia possono essere molteplici e possono riguardare l’apparato digerente o l’apparato genitourinario. Sebbene...