Malattie infiammatorie intestinali

Patologie del colon

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI o IBD) sono un gruppo di malattie caratterizzate da infiammazione e danno alla mucosa dell’apparato digerente. Sono condizioni croniche non molto frequenti in cui si possono alternare periodi di riattivazione della malattia con comparsa di sintomi e periodi di latenza o remissione con relativo benessere.

Le forme più comuni sono il morbo di Crohn (MC) e la rettocolite ulcerosa (RCU) ma esiste anche un’altra forma meno frequente rappresentata dalla colite indeterminata che si definisce tale quando presenta caratteristiche miste tra MC e RCU.

Tali malattie possono comparire a tutte l’età con un primo picco in età adolescenziale ed un secondo picco in età adulta.

Le malattie infiammatorie croniche intestinali sono patologie “idiopatiche” ovvero con causa sconosciuta ma presentano una certa familiarità, ossia la tendenza ad un maggior rischio nei parenti delle persone affette.

SINTOMI

Il morbo di Crohn può interessare tutto l’apparato digerente dalla bocca fino all’ano. I sintomi più frequenti sono il dolore addominale e la diarrea che possono comparire anche di notte. Altri sintomi possono essere la perdita di peso, l’anemia, l’affaticamento e la comparsa di fistole e ulcere anali.

La rettocolite ulcerosa solitamente si presenta con dolore addominale e diarrea spesso associata a sangue e muco. Possono essere presenti anche urgenza nel defecare, perdita di peso, anemia e senso di spossatezza.

In entrambe le malattie i sintomi intestinali possono essere associati a manifestazioni extra-intestinali come artriti, infiammazioni degli occhi e malattie della pelle.

Oltre ad essere condizioni croniche debilitanti, le malattie infiammatorie croniche intestinali possono andare incontro a complicanze come ad esempio formazioni di ascessi, fistole, ossia tramiti che mettono in comunicazione l’intestino con altri organi, ostruzioni intestinali, perforazioni ed aumentato rischio di cancro del colon.

DIAGNOSI

La diagnosi si effettua mediante colonscopia ed ileocolonscopia che permettono la visualizzazione diretta dei danni alla mucosa e l’esecuzione di prelievi di tessuto (biopsie) indispensabili per la diagnosi istologica.

TERAPIA

Il trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali prevede l’utilizzo di farmaci che agiscono a livello sistemico o farmaci ad azione diretta sulla mucosa dell’intestino. I farmaci più utilizzati sono corticosteroidi, anti-infiammatori ed immunosoppressori.

In caso di fallimento della terapia medica o di comparsa di complicanze invece può essere necessario intervenire chirurgicamente con rimozione parziale o totale del colon.

Ultimi articoli

Sangue nelle feci: paure, diagnosi e soluzioni

Sangue nelle feci: paure, diagnosi e soluzioni

Cosa indica il sangue nelle feci? Il sangue nelle feci può essere macroscopico, ossia visibile ad occhio nudo oppure può essere microscopico quindi rilevabile solo mediante un apposito esame di laboratorio (ricerca di sangue occulto nelle feci). La presenza di sangue...

Mal di pancia: quando andare dal medico

Mal di pancia: quando andare dal medico

Cos’è il mal di pancia? Il mal di pancia è un sintomo molto comune e indica in modo generico un fastidio o dolore a livello dell’addome. Le cause del mal di pancia possono essere molteplici e possono riguardare l’apparato digerente o l’apparato genitourinario. Sebbene...