Endoscopia

L’endoscopia digestiva è una branca diagnostica della gastroenterologia mirata alla visualizzazione del primo e dell’ultimo tratto dell’apparato digerente.

L’endoscopia si esegue introducendo un tubo flessibile dotato di telecamera nella bocca o nell’ano. Questo tubo flessibile è dotato di telecamera che consente la visualizzazione real-time delle pareti intestinali. Attraverso un canale operativo che percorre tutto il tubo è possibile eseguire biopsie con piccole pinze per analizzare i campioni di tessuto che presentano alterazioni.

L’esofagogastroduodenoscopia (EGDS) consente di visualizzare il tratto digestivo superiore (esofago, stomaco e duodeno)

La coloscopia (RSCS) consente di visualizzare il tratto digestivo inferiore (ano, retto, sigma, colon e gli ultimi centimetri del piccolo intestino o ileo)

L’ecoendoscopia (EUS)  consente invece attraverso la combinazione dell’endoscopia digestiva e dell’ecografia di studiare tutti gli organi ed i tessuti esterni all’intestino.